21 March, 2017

On my radar #5


*Post in collaborazione

Potremmo citare l'omonima canzone di Britney Spears come colonna sonora del post; oppure no.
Da quanto tempo non scrivevo un post del genere?
Così tanto che non saprei nemmeno collocare l'ultimo in una fascia temporale vagamente definita e, a maggior ragione, è arrivato il momento di tornare con uno di questi post di liste dei desideri che tanto mi piacciono perché parte di quei post da scrivere di getto, mentre affondo sul divano, Viola tenta di rubarmi il panino col cioccolato e la tazza di the mi aspetta qui accanto.


1. Collistar CC Cream capelli
Stiamo arrivando a quel momento. Quello in cui quando raccogli i capelli, spostandoli dalla solita piega, inizi a notare qualche filo...diversamente pigmentato (devo elaborare psicologicamente tutto ciò prima di poter scrivere pixel su bianco l'aggettivo esatto).
La situazione non è assolutamente tragica, ma vederne sbucare a tratti ad ogni coda o chignon inizia ad infastidirmi alquanto (the perks of being brunette and under 18...).
Comprendo perfettamente che questa non sia la notizia del secolo ma provochi anzi sonori sbadigli, è che vi scrive una che non ha mai toccato il colore dei propri capelli, nemmeno nonostante abbia passato l'infanzia a giocare a Barbie e la sua Spice Girls preferita fosse Emma Bunton.
Quindi l'idea di dover alterare il mio castano scurissimo e i suoi riflessi più rossi sulle punte è un po' destabilizzante. Potremmo aggiungere che lo è soprattutto per la bocciofila che incombe lì davanti ma mi sono dilungata già troppo.
Potrei cominciare con un henné castano e i suoi mille passaggi ma ho pensato di virare verso qualcosa di più chimico e pratico e provare la CC cream Collistar, nel colore Castano Cioccolato, che dovrebbe essere una cosa blanda e andarsene man mano coi lavaggi.
[Qualcuna di voi l'ha provata? Si esce con due teste e i capelli verde prato o è valida?]


2. L'Oreal Colorista Washout
E appunto.
A proposito di creme colorate per capelli che se ne vanno via dopo qualche shampoo, in alcuni momenti di follia (pazza vita gggiovane!) ho iniziato pure a prendere in considerazione i nuovi Colorista di L'Oreal. Neanche a dirlo, i colori che trovo più belli sono quelli pensati per i capelli biondi, come il lilla e il pesca (il pesca secondo me è il grande sottovalutato della situazione).
Starei bene? Assolutamente no.
Avrei il coraggio di decolorare, come suggerito dalla stessa L'Oreal, per passare ad un biondo chiaro? Come sopra.
Non l'avrei avuto nemmeno quando tra cinque amiche giocavamo a imitare le Spice Girls e io volevo essere appunto Emma Bunton - e voglio dire, avevo 8 anni e meno senso della realtà - figuriamoci ora che il circolo del burraco mi attende dietro l'angolo.
E comunque finivano tutti con l'appiopparmi sempre e solo Victoria Beckham, ai tempi Adams.
Dicevamo.
Con in tasca un maggior senso della realtà (forse) ho pensato di poter provare una delle tonalità Colorista per capelli scuri, come il burgundy o il turquoise. Sono consapevole che l'effetto sul capello scuro non decolorato sia estremamente blando, ma questo si sposerebbe benissimo col mio coraggio di strafare degno della suddetta bocciofila. Mi andrebbero bene dei leggerissimi riflessi verde acqua o bordeaux alla luce del sole o su quei pochi capelli diversamente pigmentati.
(Chiedo anche qui: non è che qualcuna, per caso, li ha provati?)


3. Byredo Rose of No Man's Land
Prima o poi volerò da quelli di Byredo brandendo un eyeliner e minacciando di applicarglielo con mano tremolante prima di uscire per strada: "su le mani, lontano gli struccanti, datemi una tanica di ogni profumo tranne Bullion e nessuno si farà del male".
In realtà la mia lista dei desideri Byredo è molto lunga ma non mi sembrava il caso di incentrarci metà post. Quindi menzioniamo en passant l'ormai pure troppo famoso ma buonissimo Blanche, l'avvolgente Black Saffron, che credo sia l'unica fragranza orientale e speziata che mi sia mai piaciuta e che comprerei, e l'agrumato Palermo. E poi lui, Rose of No Man's Land.
Rosa, frutti rossi, legno di cedro, ambra, lampone.
Sulla carta non ha assolutamente nulla per attirarmi come fragranza, ma me ne sono innamorata dopo averne provato un campione.

4. Chanel n°5 L'eau
Ultimamente sono tornata a fissarmi coi profumi.
E se ora gravito attorno ad aromi più freschi, verdi o agrumati, anni fa mi inondavo di Chanel n°5 e fragranze talcate e avvolgenti.
Le ritengo ancora meravigliose, Chanel n°5 incluso, ma in questi periodi faccio più fatica a indossare profumi tanto avvolgenti e di una certa importanza e così la boccetta del suddetto Chanel giace sulla mensola in attesa di tempi migliori. Una scoperta recente molto piacevole è stato però il nuovo Chanel n°5 L'eau, provato e acquistato per un regalo e che credo di voler anche per me (com'è che succede sempre così?).
Ha la stessa nota aldeidica del classico 5 ma racchiusa all'interno di una cornice di limone, arancia, bergamotto, ylang-ylang e neroli. E voglio dire, quando sento neroli-bergamotto-aldeidi nella stessa frase io non capisco più niente.
In altre parole, si coglie perfettamente che è uno Chanel 5, ma molto più leggero, fresco e arioso dell'originale.

5. Vivetta dress kids
Vivetta io la amo e lo dichiaro apertamente anche qui sul blog.
In un mondo ipotetico dove i soldi crescono sugli alberi mi riempirei l'armadio di suoi abiti.
Nel mondo reale invece la ringrazio per aver creato anche una linea bambini (scommetto che le sue taglie da adulto mi sarebbero pure grandi...) che ogni tanto viene pure scontata.
Quindi mi metto sulla riva del fiume e attendo di poter trovare quest'abito bianco in saldo da qualche parte, acquistarlo ed uscire felice e contenta nel mondo là fuori come una nuvola bianca con le ruches.

6. Guerlain L'Or
Vorrei poter dire che il marketing su di me non sortisce alcun effetto ma questa sarebbe solo una bugia.
Due informazioni qua e là e tre video su youtube dopo et voilà: "forse mi serve".
O forse no. Non l'ho ancora ben capito ma intanto durante gli sconti di Sephora e Douglas continuo a inserire e togliere dal carrello questo primer di Guerlain.
Promette di levigare, illuminare e idratare. C'è chi gli giura amore eterno e chi giura piuttosto di volerlo lanciare dalla finestra ed io nel frattempo medito osservandolo là sullo scaffale.

8. Bollitore Smeg
Mannaggia a Smeg e ai suoi elettrodomestici overpriced (come si dice in italiano?) ma bellissimi.
Gli lascio i frigoriferi, che per quanto belli non credo comprerei mai, ma in compenso cambierei volentieri il mio vecchio tostapane, che tosta troppo o troppo poco, con il loro. In bianco o cromato.
E medito seriamente di aggiungere alla lista degli elettrodomestici indispensabili anche il bollitore per le mie innumerevoli tazze di the-tisane-infusi quotidiane.

9. Libro Passionforbaking
Non poteva mancare una piccola parte della mia lista dei desideri con l'etichetta "Cucina&Libri".
Manuela ha una cucina da cartolina e prepara dolci altrettanto da cartolina - quanto buoni. In poco tempo le sue ricette si sono guadagnate la mia totale fiducia (dove la ritrovo una ricetta per i macaron di sicura riuscita che non necessita nemmeno del tempo di croutage?) ed il suo libro è nella mia lista dei desideri da prima ancora che uscisse, quando Manuela faceva vedere giusto qualche preparazione che vi sarebbe poi stata inclusa. Prima o poi sarà mio. Sì.


* * * * *

Per il momento è meglio se la sempre in crescita lista dei desideri la terminiamo qui.
Vado a rassicurare il portafoglio.
Voi cosa state tenendo d'occhio ultimamente?

Si ringrazia L'Oreal per la collaborazione. Tuttavia, quelle espresse sono come sempre le mie oneste opinioni e i prodotti realmente presenti da tempo nella mia personale lista dei desideri. Ormai sapete come sono.

10 comments:

  1. Uso la cc cream castano cioccolato da anni proprio per nascondere quel problemino li ;) te la consiglio

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ti ringrazio un sacco! Per caso trovi che tenda a scurire molto su un castano già scuro o ravviva piuttosto i riflessi?

      Delete
  2. Io ho provato il Colorista. Non ha lasciato nemmeno i riflessi. Sono proprio euro buttati.
    Prova a leggere le review che stanno lasciando su Amazon per farti una idea.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Uh sì sì, ricordo che ne parlammo! È che ho comunque qualche dubbio: da un lato non vorrei che la cc cream mi uniformasse totalmente il castano facendomi scomparire i riflessi naturali che virano sul rosso (al sole), ma allo stesso tempo non voglio nemmeno prendere la versione paprika/ciliegia perché il risultato è troppo evidente rispetto a quello che ricerco io (cioè, banalmente, un castano scuro con dei riflessi leggerissimi-issimi). Da lì il lampo di scarso genio: "Ma non è che Colorista mi copre di bordeaux quei 50 capelli bianchi dando un minimo di riflesso ma senza stravolgere né scurire il mio colore?". Non so, probabilmente sono tutte domande da babbea che non sa nemmeno da che parte si tiene una tinta e devo ancora capire se, semplicemente, il problema di abse è che questi colori particolari sul capello non decolorato scivolerebbero via, come uno shampoo.

      Delete
  3. Eh eh, brunette a rapporto, come ti capisco! Io di anni ne ho 25 a ottobre, ma i capelli bianchi ce li ho da quando ne ho 15. Ora, fino ai 22 li trovavo fighissimi, si nascondevano bene ma comunque consideravo "avanti" il mio ciuffo bianco. Ora però sono davvero *tanti*, bianchissimi e tanti. E niente, io le cose in casa sono pigra a farle per cui faccio la classica tinta dalla parrucchiera. C'è da dire che pure io non ho mai variato il mio castano scurissimo, perché, prepararsi all'uscita iper vanesia, adoro la combo coi miei occhi azzurro grigi. Ma ho variato i riflessi, rossi per circa due anni e biondastri ora. Si, senza decolorare la mia parrucchiera me li ha fatti qualche tono più chiaro :D!I prodotti da te menzionati li corteggio dalla rispettiva uscita, senza mai essermi decisa alla prova quindi le Cc cream le tengo d'occhio davvero da tanto ahah. E quoto sul pesca! Secondo me col castano ci stanno benissimo le sfumature pesca/rosate. Quasi quasi lo propongo alla prossima seduta ** per i profumi invece ho avuto un colpo di fulmine a cui ho ceduto dopo nemmeno una settimana: Signorina in fiore di Ferragamo. Ma in realtà bramo da troppo The vert et bigarade e La mer et mistral (questo è maschile, ma who cares) de L'Occitane. Divini!

    ReplyDelete
    Replies
    1. E fai benissimo! Il capello scuro con gli occhi chiari lo trovo anch'io meraviglioso! E lo scrivo con una punta di invidia bonaria.

      Me li ero immaginata solo sui capelli biondi ma hai ragione: i riflessi pesca qua e là li vedrei bene anch'io pure su un castano chiaro! Awww

      Delete
  4. io, qualche mese fa ormai, per coprire uno shatush che ormai mi aveva stufato alla grande, ho iniziato a guardarmi intorno nel panorama delle tinte da supermercato perchè A) i soldi sono sempre pochi e B)ero rimasta indietrissimo, non usando tinte da ALMENO 15 anni. Ho considerato anche io le temporanee, il mio sogno era (e in parte, resta) trasformare quella lunghezza mezza bionda in fucsia e lasciarla sfumare, via via coi lavaggi, nei toni più tenerelli del rosa pastello. Avevo guardato le crazy color quando tutte poi mi han detto che di "crazy" c'è solo il fatto che ti macchiano QUALSIASI cosa per settimane e quindi amen, accantonate le temporanee perchè ho il timore che qualsiasi tinta del genere possa far danni.
    Alla fine ho fatto quella "viola profondo" di frank provost: soddisfatissima "cento-pèccento"! è una permamente ma sul mio castano scuro scuro in cima ha dato un tono da "sembra rosso ma in realà si nota che è viola" mentre sulle punte ha coperto bene il biondo trasformandolo nell'effetto citato per la testa ma in maniera un pelo più evidente. (se hai voglia di cercarmi su IG capirai dalle foto :P ). Non ha scolorito, non ha macchiato e non ha scaricato NIENTE (se non un acquetta lievemente rosata nei primi 2 lavaggi, poi più niente!). Che dire? I migliori 5 euro mai spesi per una tinta! :D :D :D bacioniiii

    ReplyDelete
    Replies
    1. Appena torno ad avere in mano il telefono ti cerco sicuramente su Instagram!
      Io ancora non me la sento di cambiare colore al di fuori di qualche riflesso leggero, ma prima o poi nella vita mi ripeto di farmi viola scuro scuro o amarena scuro scuro. La descrizione che hai fatto sembra avvicinarsi un po' alla mia idea! :)
      Bacioni anche a te!

      Delete
  5. Con questi balsami colorati non si sa mai esattamente il colore con cui si esce, anche su basi molto chiare può avere una durata variabile e prendere più o meno bene. A me un blu e un verde della Manic Panic su una deco bianca avevano lasciato riflessi per tre mesi, altre rosa e fuxia erano sparite in 3/4 lavaggi.
    Io vado controcorrente rispetto alle recensioni varie, la Colorista rossa su di me ha preso tantissimo, partivo da un rame chiaro con radici biondo medio e adesso sono tutta ciliegia acceso (le radici un pelo più scure, ma niente di evidentissimo). I bianchi sono rosso semaforo, ma sono pochi e non molesti. Un po' ha scurito, ma partivo da una base abbastanza chiara. Le recensioni di Amazon sono da prendere un po' con le pinze, c'è chi si aspettava riflessi viola accesi o turchesi su un castano scuro.. ecco no.
    Secondo me dipende tantissimo dal colore di partenza e dalle aspettative, il turchese su una base scura (e sana) ha pochissime possibilità di vedersi, al massimo qualche riflesso verde scuro, ma non so quanto possano essere fighi, su alcune ho visto che vira al grigio.
    Le Collistar sono simili, prendono bene ma hanno colori meno improbabili, quindi si fanno un po' meno "danni".
    Se le vuoi provare (sia L'Oreal che Collistar) ti consiglio di tingere una ciocca nascosta e valutare se ti piace l'intensità, si possono tenere meno o più del tempo di posa consigliato, diluire col balsamo ecc. E procurati un paio di guanti in lattice a misura, che quelli che danno loro sono tremendi e giganteschi :D
    Entrambe non seccano e non rovinano i capelli, possono opacizzare un minimo se si attacca bene il pigmento ma bastano due gocce di siliconi sulle punte e tornano a posto.
    Comunque considera che quasi tutte le semipermanenti a base rossa (quindi anche fuxia, borgogna e castani) non durano una ceppa e scaricano abbastanza presto, se non hai i capelli devastati, super porosi e non stratifichi molto te ne liberi nel giro di pochi lavaggi.

    ReplyDelete
  6. As I am a user of Chanel perfume for last two years, I search the notes of several Chanel perfume and analyze them regularly. I bought couple of Chanel perfume including Chanel Allure Sport from my local store named BPIB. I think Chanel No. 5 L'eau is a great perfume especially for women. The notes of this perfume are quite amazing.

    ReplyDelete