09 May, 2015

Monthly favorites: April 2015


Ultimamente, o forse non solo ultimamente, ho così poca fantasia con le introduzioni di questi post che forse farei prima a copia-incollare quelle dei mesi precedenti: siamo in ritardo bla bla un altro mese è volato ma com'è che siamo già a maggio non ci sono più le mezze stagioni e così via.
Quindi, direi di prendere per buone tutte le affermazioni appena dette su ritardi e stagioni e passare direttamente al vivo del post coi preferiti del mese appena (appena?) passato.



Omorovicza Thermal cleansing balm 
Ancora lui, il balsamo detergente di Omorovicza (53€) ché quando vedi il prezzo ti servono i sali e non quelli da bagno. Ormai comunque, purtroppo, che devo fare, è ufficiale: mi piace e parecchio.
Confermo quanto già detto qui sulla doppia sensazione di nutrimento e morbidezza ma al contempo di pulito (sarà per il fango termale contenuto all'interno? Sarà placebo? Chi lo sa) che non ho riscontrato in nessun altro balsamo detergente finora. Solitamente li sento nutrienti, magari oleosi e pure troppo, magari idratanti; il che va benissimo su una pelle arida come la mia ma, considerando che ogni tot mi affiorano imperfezioni a livello delle guance, un qualcosa che pulisca e non nutra solamente mi fa piacere averlo.
Non lo uso come struccante ma al contempo, per la sua componente oleosa, mi aiuta rimuovere eventuali residui di makeup scampati allo fase n°1 di struccaggio.
Insomma, mi sta piacendo così tanto che sto seriamente meditando di rompere il salvadanaio per la full size.
Lo sto utilizzando circa 2-3 volte a settimana, ne basta una quantità miscroscopica, la mini size mi sta durando mesi e credo quindi che il formato XL potrebbe durare anche un anno o più.
(se questi vaneggiamenti sembrano solo un tentativo di autoconvincersi della cosa giusta, è così)



Lime Crime Velvetine in Riot
Confesso di essere stata in dubbio se inserirlo in questo post, non per il prodotto in sé ma a causa delle polemiche sul marchio di un paio di mesi fa (sito hackerato, hacker che rubano dati e soldi ai clienti, servizio clienti che non gestisce la cosa all'istante, vecchi scheletri nell'armadio sull'azienda vecchi come il 2006, storie solamente pompate, storie vere e quant'altro). Poi però ha prevalso in me la filosofia degli sticavoli ed ho preferito mantenere sul blog la linea di sempre, ovvero: valutare il prodotto, fare presente eventuali meriti o demeriti dell'azienda ma senza che questo sia il fulcro del discorso. Sono certa che ognuno in cuor in suo sappia fare le proprie valutazioni senza che altri facciano opere di convinzione o dissuasione e quindi restando neutrale come la Svizzera dicevo, sì, il  Velvetine Riot (20$).
Ah che colore meraviglioso.
È finito dritto nella makeup bag che porto sempre con me in borsa e sta percorrendo le strade per arrivare tra i "rossetti per tutti giorni" che utilizzo di più. È un colore molto particolare che mi piacerebbe trovare anche in formato stick, giusto per quei giorni in cui le labbra non sono esattamente nelle condizioni adatte per un rossetto liquido ultra matte.
È una sorta di color terra di siena bruciata (che poesia) come direbbe Pantone, con una leggerissima punta rosata, che si adatta ad una miriade di occasioni.


MAC lipstick in Açai
Dopo la frenesia iniziale di anni fa il mio interesse verso le edizioni limitate di Mac s'è ridotto di molto.
Vuoi per la quantità di collezioni che sforna ogni mese? Settimana? Non lo so, ma stento a starci dietro. Vuoi, soprattutto, per la difficoltà nel reperire i prodotti, che arrivano in quantità minima nei negozi e per i quali bisogna prepararsi a correre alla velocità di una staffetta 4x100.
Però ogni tanto Mac dal cappello a cilindro tira fuori qualcosa in edizione limitata che purtroppo mi colpisce parecchio: in quei casi abbraccio la filosofia del fato. Se riesco ad aggiudicarmi l'oggetto incriminato senza sforzi, ricerche e staffette è cosa buona, altrimenti...lascio perdere.
Non so bene neanch'io per quale combinazione del fato - visto che questo rossetto è rimasto disponibile online per 2 minuti di orologio prima di andare sold out - ma alla fine sono riuscita ad acquistarlo con un refresh giusto al momento giusto e lo sto apprezzando davvero molto.
Açai s'è rivelato essere tutto ciò che mi aspettavo e speravo: una versione del rossetto Rebel di Mac meno fucsia e più violacea e dal finish matte. Praticamente come avrei sempre voluto che fosse Rebel su di me.



Caudalie Parfum Divin*
Torna una vecchia conoscenza, il profumo di Caudalie (45€) che avevo inserito nei preferiti di maggio dell'anno scorso. Mi tocca essere monotona e autocitarmi con la frase "è una fragranza fine, delicata ma al contempo avvolgente e femminile. Mi mette il buonumore, in un certo senso" perché è proprio così e non saprei come spiegarlo meglio. Le note predominanti per me sono quelle del muschio (piuttosto di quelle alla rosa e alla vaniglia) che solitamente apprezzo molto nei profumi e che utilizzo durante tutto l'anno indipendentemente dalla stagione; ma a quanto pare, per qualche strano motivo, questo è un profumo che mi ritrovo a cercare soprattutto in primavera/inizio estate. È avvolgente ma non eccessivo, dolce ma assolutamente non stucchevole ed ha una anzi una sfumatura quasi talcata. È un profumo che definirei comforting e non saprei come renderlo in italiano.
L'unico pollice verso per me resta la durata, purtroppo breve.




Korres Santorini Vine
Quella col marchio greco Korres è stata una storia di qualche anno fa, ma ci voleva la nuova profumazione Santorini Vine (4€) per riaccenderla. Presente quelle cose di cui sentite parlare e un minuto dopo vi ritrovate a decidere di provarle con buona pace della razionalità e del salvadanaio? Con questo duo mi è successo così e verosimilmente è tutta colpa del marketing (parentesi fuori tema che non frega a nessuno: i paesaggi di case bianche di fronte ad un mare blu esercitano su di me un certo fascino da sempre e Santorini è inoltre una di quelle mete che mi sono prefissata di visitare almeno una volta nella vita). Ho preferito tuttavia fare appello ad un minimo di razionalità ed ho ordinato solo le mini taglie da 50ml, giusto per provare la profumazione.
Non vorrei scendere in troppi dettagli perché ho intenzione di dedicare un intero post a questi due prodotti, ma il fatto che stia pensando di ordinare le taglie standard dice già molto su quanto li stia apprezzando in questa stagione - il profumo lo vedo bene anche per i periodi più caldi che stanno per arrivare (sì coi profumi vado abbastanza a stagioni e non sono certa di suonare normale nel metterla giù così).


* * * * *

Ecco qui, stavolta pochi preferiti ma ben selezionati!
Voi ne avete provato qualcuno?
Avete un balsamo detergente preferito che forse dovrei provare prima di dilapidare un patrimonio in quello di Omorovicza? Avete già provato qualcosa di Korres?
Troppe domande, la chiudo qui e vi auguro un buon weekend!


*PR Sample
Asos affiliated link

11 comments:

  1. Di Korres adoro, ADORO il docciaschiuma al fico! Avevo preso il double pack su asos a un prezzo bassissimo l'anno scorso, sono circa a metà della seconda bottiglia (ne basta pochissimo e profumo per ore) e soffro perché ora costa tanto. :(

    Di Omorovicza invece ho provato solamente un sample della crema illuminante e non ci voglio nemmeno pensare dato il prezzo hahaha

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sto provando la stessa crema di Omorovicza ma, per quanto mi sembri buona per questa stagione, anch'io non sto minimamente considerando l'acquisto a causa del prezzo. Errr.
      Ali, per il bagnoschiuma Korres corri su Asos! Hanno rimesso le confezioni "2 al prezzo di 1" e gli sconti sui flaconi singoli

      Delete
  2. Anche io amo Riot, lo metterei anche per dormire! Purtroppo in stick non rossetti troppo simili..metto comunque tonalità sul genere (giusto anche per non consumarlo subito), non sono identici ma se non li hai ti consiglio di provare Taupe di Mac o 1995 di Gerard Cosmetics *-* adoroooo! Io con questi colori ho trovato la pace dei sensi :)
    Che fortuna per Acai..sigh..io non ho fatto in tempo a prenderlo -.- mi ero appostata davanti al pc ma..ehm..mi sono addormentata ahah

    P.s. I paesaggi di Santorini sono stupefacenti :O

    ReplyDelete
    Replies
    1. Mi sa che abbiamo gusti simili: 1995 è un altro di quei rossetti che sto sfruttando molto e felicemente!:)
      Devo dare un'occhiata dal vivo a Taupe di Mac, anche se non vorrei fosse troppo simile a 1995 (me lo sto inventando?), ed anche a Retro che spero possa assomigliare un po' a Riot!

      Delete
  3. Di Korres non ho ahimè mai provato nulla anche se continuo a sentir dire che fa dei prodotti strepitosi.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Io ho avuto modo di provare dei bagnoschiuma e latte corpo e mi sono piaciuti molto. È anche un marchio che mi fa simpatia: gli ingredienti non sono male, le profumazioni sono piacevoli e non troppo "sintetiche" e si riescono a trovare spesso delle buone offerte.

      Delete
  4. Ti consiglio, se non lo hai già fatto, di provare anche lo Stemcell Cleansing Balm di Rodial!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non lo conoscevo ma vado a cercare informazioni, grazie!

      Delete
  5. Acai me lo sono perso T_T il fato su di me non è stato buono!

    Se la fragranza del Parfum Divin è uguale a quella dell'Olio divino ... allora è buonissimo *_*

    ReplyDelete
    Replies
    1. È sulla scia dell'Olio Divino anzi, per me, addirittura più buono!

      Delete
  6. Ormai non mi stupisco più se abbiamo preferiti in comune, dopo aver appurato che, per qualche strana circostanza astrale (??) spesso acquistiamo le stesse cose o scegliamo gli stessi prodotti, sono sempre più convinta che abbiamo una mente telepatica ahah
    Anche per me questo mese è stata la volta di Riot, ma quanto può essere bello questo Velvetine, Ale?
    Invece mi tenta troppo il balsamo Omorovicza e quasi quasi ci faccio un serio pensierino!

    ReplyDelete