20 September, 2014

Neve Cosmetics Duochrome palette | swatches, confronti, impressioni

International readers, this post is in italian only. Apologies for that.

Era il 2012 quando Neve Cosmetics se ne usciva con la prima palette Duochrome, un'edizione limitata di dieci ombretti dal finish, sorpresa, duochrome che andò sold out nel giro di poco. In questi anni, numerose sono state le richieste di riproporla e dopo i primi "giammai!" ora, che a detta dell'azienda la scadenza della prima è stata abbondamente superata, è stata finalmente riproposta.
La formula è stata in parte modificata per rendere vegane tutte le cialde e per apportare migliorie. Inoltre, due ombretti della prima versione (Alchimista e Fireworks) sono stati sostituiti da Fenice e Twilight.
L'ho provata per un po' di giorni e di seguito la mia impressione iniziale - con swatch e confronti.



Ricordo che ai tempi dell'uscita della Duochrome I dissi, convinta: "a me i duochrome non piacciono e non li uso". Peccato che in seguito, grazie soprattutto a Club di Mac e più recentemente a Madreperla di Nabla, sia passata al lato oscuro. Ma questo mio passaggio è stato un po' troppo tardivo e di palette Duochrome già non se ne trovavano più, o almeno non sotto i 50€ o addirittura 80€ *risate preregistrate* (e non mi riferisco ovviamente alle aste benefiche indette da Neve, magari!, ma al semplice approfittarsene).

Ciò che ho imparato ad apprezzare degli ombretti duochrome infatti, al di là dell'effetto particolare, è che certi colori fanno tutto "da soli". Penso ad esempio a Club di Mac, o Veleno, Mela Stregata o anche Mezza Estate della palette di Neve: mi piace applicarli semplicemente su tutta la palpebra, da soli, e sfumarne i contorni verso la piega dell'occhio, andando poi in niente. Et voilà.
Trucco occhi da 1 minuto che grazie all'effetto duochrome crea l'illusione dell'utilizzo di più colori e di grandi lavori di sfumatura. E invece.
(nota: questo lo posso fare dal momento che la mia palpebra è un po' cadente e non ho quindi necessità di enfatizzare la piega dell'occhio scurendola poiché a quello ci pensa il riflesso più scuro del duochrome; in caso contrario un marrone freddo può essere d'aiuto per chi ha bisogno di delineare meglio il trucco e aggiungere un tocco di profondità in più all'occhio).

Di contro, ciò che li può rendere complessi da usare, sta sempre nel loro effetto duochrome.
Gli ombretti di qualche riga sopra infatti non sono stati citati a caso e sono quelli che trovo più semplici da utilizzare - per i miei gusti e abitudini. Colori come Abracadabra, Pioggia Acida ed Utopia mi creano invece qualche problema in più, principalmente perché non sono tonalità che uso facilmente a tutta palpebra ma li devo ambientare o usare come punto di colore.
Soprattutto, non trovo semplice ed intuitivo utilizzare più colori della palette assieme a causa dei riflessi che rischiano di cozzare tra loro. Ho provato, ma i risultati non sono stati di mio gradimento e preferisco quindi affiancare alla Duochrome una Naked Basics o ombretti vari senza particolari riflessi (non è comunque impossibile se avete una fantasia migliore della mia e Makeup Pleasure e Soffice Lavanda ne sono due esempi).

Senso orario: Utopia, Abracadabra, Mela Stregata, Pioggia Acida
fila I: Pioggia Acida, Utopia, Fenice, Chimera - fila II: Abracadabra, Polline, Veleno, Mezza Estate
senso orario: Twilight, Mezza Estate, Veleno, Fenice, Chimera
Mela Stregata
Passando alla palette in sé, la trovo coerente con la solita qualità degli ombretti di Neve anche se qualche cialda risulta migliore/peggiore di altre (vedasi più sotto colore per colore).
In generale però sono pigmentate e scrivono anche se trovo che un primer sia necessario per farle risaltare al meglio e soprattutto per farle durare: su di me, con primer, hanno infatti una durata di ore e ore ma, dopo circa 4, i colori tendono ad essere meno vibranti e sbiadire un po'.

È anche da notare che nonostante il nome della palette sia Duochrome, non tutti gli ombretti presenti sono tali: alcuni sono shimmer, altri metallizzati, altri satinati. Altri ancora, duochrome con riflessi più o meno spiccati.

palette duochrome INCI


Swatch!
(tutti gli swatch sono realizzati sopra il primer Shadow Insurance di Too Faced)

Pioggia Acida, Utopia, Fenice, Chimera, Twilight
Mela Stregata, Abracadabra, Polline, Veleno, Mezza Estate

* * * *

Pioggia Acida, Utopia, Fenice, Chimera, Twilight
Pioggia Acida, Utopia, Fenice, Chimera, Twilight

Pioggia Acida:
descritto come verde freddo con riflessi oro ed è esattamente così.
La pigmentazione c'è, la texture è morbida e si sfuma facilmente ed è un duochrome vero e proprio. È una buona cialda che merita.
A mio gusto, lo vedo bene applicato come tocco di colore lungo la rima inferiore.

Utopia:
Neve lo descrive blu cobalto scuro con riflessi rosa, anche se così scuro non lo vedo. Il riflesso rosa duochrome c'è ma è molto meno evidente rispetto a quello verde/dorato di Pioggia Acida o di altre cialde.
È inoltre un ombretto che va lavorato e costruito perché sull'occhio con una passata non è vibrante come negli swatch.
Mi ricorda un po' Parfait Amour di Mac, che forse è più violaceo, e penso che lo utilizzerò quanto prima nel modo in cui la mua di Mac ha utilizzato il primo durante una recente seduta di trucco: passandolo sopra un eyeliner viola scuro per farne risaltare i riflessi ed illuminarlo. L'effetto era notevole.

Fenice:
Neve lo chiama rame caldo intenso dalle luminose incandescenze rosate. Le perlescenze rosate fatico a vederle, ma ciò non rende Fenice meno bello. È un rame pieno, metallico (non duochrome), davvero intenso. La texture è ottima, senza se e senza ma: pigmentatissima, morbidissima, setosa, sfumabile e altri aggettivi -issimi positivi.
È sicuramente la cialda migliore di tutta la palette, in termini di qualità, e forse addirittura la migliore che abbia provato di Neve fino ad ora. Ottima!

Chimera:
descritto come viola scuro con riflessi rosa e cristalli ramati. È sicuramente un viola scuro, ma più che dei riflessi presenta degli shimmer rosati (non è duochrome). Nella cialda prometteva bene e swatchato non è male, ma sull'occhio non si comporta come vorrei: la pigmentazione deve essere costruita, la texture va lavorata perché tende ad essere secca (forse si riesce a notare anche dallo swatch qua sopra la differenza tra Fenice, quasi cremoso, e Chimera, più secco). Soprattutto, steso su tutta la palpebra non rende lo stesso effetto dello swatch e il tocco luminoso degli shimmer non è altrettanto visibile. Risulta un viola scuro semi matte.
La formula di Chimera è stata modificata rispetto alla precedente per renderlo "vegano e migliorarne la scrivenza", ma non avendo la cialda della Duochrome I non mi è possibile fare un confronto.


Twilight:

è un grigio intenso dalla satinatura color bronzo, studiato per far risaltare il naturale colore degli occhi, siano questi verdi, grigi, azzurri, neri o castani.
Twilight lo descriverei come un color fango (eh lo so, non suona bene) satinato e con qualche shimmer dorato (non è duochrome). È pigmentato, si sfuma abbastanza facilmente e nel complesso la formula la trovo buona, però sull'occhio risulta piatto e la componente dorata non riesco a notarla.
Neve consiglia di usarlo come base per gli altri duochrome così "questi mutano, rivelano cangianze inedite". Tuttavia non mi è piaciuto molto per tale scopo: l'ho provato con sopra Mela Stregata, Veleno, Polline ma non trovo che tiri fuori grandi riflessi ma che anzi la base sia troppo fumosa e li spenga. Preferisco la classica base cremosa nera (come avevo usato per far risaltare Madreperla di Nabla), rende di più.
Twilight può comunque essere usato in uno smokey o nella piega dell'occhio, ma non nego che avrei preferito un'altra cialda duochrome o più particolare, considerando che già di per sé la palette facilmente viene affiancata ad un'altra più neutra e che una cialda di un marrone simile non basta, a mio avviso, a renderla completa. Al suo posto avrei preferito una versione migliorata di Alchimista.

Mela Stregata, Abracadabra, Polline, Veleno, Mezza Estate
Mela Stregata, Abracadabra, Polline
Polline, Veleno, Mezza Estate

Mela Stregata:
è descritto come fucsia violaceo con riflessi verde acqua, il che è accurato. È il mio preferito di tutta palette, devo dirlo. Stupendo.
La texture è morbida, sfumabile, è pigmentato ma al contempo modulabile il che è un altro pro: applicato una volta sulla palpebra lascia trasparire la base bordeaux-fucsia, mentre se lo si stratifica viene accentuato il riflesso azzurro. Decisamente un duochrome degno di tale nome.
Mi piace applicarlo da solo su tutta la palpebra fino a sfumarlo in niente e abbinarlo ad un rossetto fucsia freddo (parentesi: in giro mi hanno già chiesto due volte che ombretto avessi; fa la sua figura).
Neve afferma di aver rivisto la formula di Mela Stregata e di averne migliorato la resa sulla palpebra ma, di nuovo, non avendo la Duochrome I non posso fare confronti.

Abracadabra:
azzurro ceruleo con riflessi verde chiaro. Più che duochrome, in questo ombretto ci vedo riflessi, una forte satinatura. È sì azzurro, ma il riflesso smorza leggermente la componente fredda e lo allontana dall'essere il classico azzurro anni '90 (brrr). Personalmente fatico ad usare toni simili, ma ciò non toglie che la cialda sia buona: pigmentata, morbida, setosa, sfumabile, pollice su!

Polline:
descritto come giallo intenso con riflessi verde lime, al mio occhio appare più come una base color sabbia con forti riflessi gialli (Duochrome con la maiuscola).
Anche qui sulla formula nulla da eccepire, siamo ai livelli di Pioggia Acida: la pigmentazione c'è, la setosità pure, non è polveroso e si sfuma facilmente. Mi piace molto come punto luce, specie su una carnagione calda.

Veleno:
è un marrone tabacco scuro con riflessi verdi. (duochrome vero e proprio).
Ah, ho cercato questa cialda per mari e monti - o più verosimilmente per vari URL - dopo aver visto questo makeup di VanityNerd. Ma niente, nessuno voleva liberarsi di Veleno e quindi è inutile dire che ho annuito in segno di grande approvazione quando ho saputo della sua presenza anche in questa Duochrome II. Anche lui è pigmentato ma modulabile, anche la sua texture è buona, sfumabile, non secca ed anche per lui, come per Mela Stregata, trovo che il riflesso si enfatizzi maggiormente stratificando un po' il prodotto.
Devo provarlo sopra una base nera cremosa o una matita marrone scuro perché lo vedo già bene.
(l'ho provato eh, però da solo o col primer)

Mezza Estate:
Neve lo chiama giallo ocra con riflessi rosa (un altro Duochrome con la D), anche se per me è più un pesca con riflessi giallo ocra.
È forse la cialda che più mi ha sorpresa perché non mi aspettavo mi piacesse così, anzi, non mi aspettavo proprio che mi piacesse. Invece la sto apprezzando molto come colore neutro con un marcia in più; trovo illumini lo sguardo in modo gradevole.
La formula anche per Mezza Estate è buona, pigmentata, morbida e si sfuma con facilità.



Confronti

Pensavo che Pioggia Acida fosse molto simile ad Aurum di Nabla ma in realtà ha un riflesso verde decisamente più spiccato, oltre ad un maggior effetto duochrome giallo/verde.


Fenice è un incrocio tra Aphrodite e Rust di Nabla, ma con un finish metallico ancor più pimpato.


Questo confronto in realtà non sussiste, ma ho pensato di metterlo in caso qualcuna avesse pensato come me ad una ipotetica somiglianza tra Mezza Estate e Jet Lag della palette Neve Makeup Delight.


Pensavo (temevo) che Veleno potesse essere un dupe di Club di Mac ma in realtà parliamo di due ombretti differenti. Veleno è un duochrome più intenso con un riflesso smeraldo; l'effetto generale di Club al confronto è più taupe. Anche Mela Stregata è ben diverso col suo riflesso verde acqua e la sua base violacea.
Nota a margine: Blue Brown di MAC è il più intenso di tutti con un riflesso esagerato rispetto agli altri, ma non vale, perché è un pigmento puro quindi vince facile e non è equiparabile.



 Duochrome I vs Duochrome II
Giusto quest'estate, Cruezadema è stata tanto gentile da cedermi due cialde della Duochrome I che non utilizzava. Quindi su Utopia e Polline posso spendere due righe per un breve confronto a caldo. Ovvero: le due edizioni di Polline mi sembrano identiche in tutto e per tutto, dalla texture alla pigmentazione. In Utopia trovo invece delle leggerissime differenze guardandole col lanternino: la versione nuova mi sembra più compatta e in un certo senso meno polverosa, con un riflesso di conseguenza un po' più visibile; ma al contempo il colore necessita di essere calcato di più (ciò potrebbe anche essere dato dalla cialda nuova, a differenza di Utopia I che è stato utilizzato e ha perso ogni eventuale patina iniziale; ma comunque lo faccio presente).


* * * *

Cosa, dove, quando, quanto?
La palette duochrome si presenta in un nuovo packaging lilla, che racchiude le dieci cialde da 3g l'una. È acquistabile presso le bioprofumerie o il sito Neve Cosmetics ad un costo di 33,80€.
Gli ombretti sono fatti di ingredienti naturali e non contengono siliconi, parabeni né petrolati; sono vegani e cruelty free.
Un'altra buona notizia è che la palette fa ora parte della linea permanente e pare che nel 2015 dovrebbero essere messe in vendita anche le singole cialde.

* * * *

Nel complesso la palette mi piace (e vorrei ben vedere, dopo anni di attesa e ricerca delle cialde singole...) e se siete amanti del colore è un acquisto che può valere la pena poiché non contiene molti colori "dupable" e in generale la qualità è la solita delle cialde Neve.
Al contrario, se vi attirano solo alcuni ombretti, la soluzione migliore è sicuramente quella di attendere l'arrivo delle cialde singole.
Quelle che più consiglio sono Mela Stregata, Veleno, Fenice ma pure Pioggia Acida, Mezza Estate, Polline. Okay anche Abracadabra che bistratto a causa del colore ma della cui formula non mi sento di lamentarmi. Chimera e Twilight invece io li salterei: il primo purtroppo pecca in qualità, mentre per quanto riguarda il secondo trovo che ci siano marroni molto più belli e meno fumosi.

Voi l'avete già presa? Che ne pensate delle varie cialde? E del ritorno inaspettato della palette?
(PS: spifferatemi pure qualche abbinamento che fate con più duochrome)



Il prodotto mi è stato inviato dall'azienda a scopo valutativo. Non sono stata obbligata a parlarne e non ricevo alcun compenso. Il post riflette solo le mie opinioni sincere.

16 comments:

  1. Credo che Mela Stregata sia uno dei colori più particolari in generale, però la nuova versione mi sembra più sul vinaccia che sul fucsia (se non erro l'hanno modificata per non macchiare la palpebra).
    Comunque a me piace moltissimo anche Utopia e credo che assieme farebbero un'interessante combo *_*

    ReplyDelete
  2. Come ho sempre detto nei vari social, aspetto le cialde singole per prendermi Fenice, Mela Stregata e Veleno. Bon. il trio sole cuore amore XD

    ReplyDelete
  3. @Foffy
    Concordo, anche secondo me è tra i più particolari a prescindere!
    Ho sentito anch'io da qualche parte che l'hanno riformulato per quel motivo ma il comunicato stampa non lo menziona. Però anche a me sembra un bordeaux con una punta di fucsia (sì ecco, un vinaccia insomma XD), più che un vero fucsia :)

    @Selena
    Scelte approvatissime!

    ReplyDelete
  4. Utopia e Parfait Amour non sono dupe neanche da lontano (feci ricche comparazioni due anni fa, nel caso fossi interessata ad approfondire) :D
    Io amo Mela Stregata ma mi sembra che l'abbiano modificato un pochino... il mio è più fucsia!

    sono sconvolta da come rende Club sulla tua pelle però, non sembra manco così caldo :D

    ReplyDelete
  5. Il motivo per cui non l'ho acquistata è proprio per la presenza di ombretti che di duochrome non hanno nulla.. Sono innamorata di mela stregata, fenice, veleno, chimera e mezza estate che comprerò singolarmente quando verranno messi in vendita..

    ReplyDelete
  6. hai fatto,come sempre,un ottimo lavoro(che belle foto)
    certo che Fenice è proprio un bel colore e sembra avere la stessa adorabile texture di Fireworks (uno dei miei preferiti) <3
    Mezza Estate ha stupito anche me ed è uno dei colori che uso più spesso quando sono di fretta e cerco un ombretto zero sbatty (#sbatty)
    voglio assolutamente il pigmento Blue Brown...*_________*

    ReplyDelete
  7. Foto stupende *___* Mi hai fatto decisamente rivalutare Veleno e Mela Stregata, perciò grazie al tuo articolo mi sono appena decisa e l'ho ordinata :D Spero che sia l'inizio di una lunga storia d'amore con gli ombretti in cialda Neve Cosmetics, finora ho provato solo quelli minerali che per quanto belli sono un pò scomodi da usare :/

    ReplyDelete
  8. Io sono follemente innamorata di Mela stregata, e faccio la corte anche a un altro paio di ombretti, ma sono sufficientemente paziente da attendere l'uscita delle cialde singole, visto che sarebbe un investimento troppo elevato per l'utilizzo che farei della palette intera. Splendidi swatches come al solito! Hai confermato le mie preferenze ;)

    ReplyDelete
  9. Mi piacciono un sacco Mela Stregata e Mezza Estate, tuttavia, non è una palette che fa al caso mio, molti dei colori non li sfrutterei a dovere...La trovo comunque splendida e la tua review è stata illuminante *-* :D
    baciii

    ReplyDelete
  10. Io ho la prima versione anche Mela stregata è anche il mio preferito anche se la base fucsia era più forte nella prima, ma adoro anche Chimera, mezza estate, polline e veleno.... fenice mi ispira molto e penso che con le cialde singole potrei prenderlo invece twilight non mi dice proprio niente...

    ReplyDelete
  11. Chimera, Utopia e Fenice mi piacciono un sacco, spero tanto che arrivino le cialde singole :)

    ReplyDelete
  12. io sono innamorata di Mela Stregata *_______*

    ReplyDelete
  13. Il colore che mi attira di più è senz'altro Mela Stregata ❤
    magari poi prenderò la cialda singola..

    Complimenti per il blog! l'ho trovato per caso.. è bellissimo, mi sono iscritta subito :)

    se ti va, passa a trovarmi sul mio blog http://caty86.blogspot.it/

    ciao! :)

    ReplyDelete
  14. Io ancora ci sto lavorando su 'sta palette, ma in generale condivido i tuoi pensieri sui singoli ombretti, e anche io alla fin fine come utilizzo preferisco quello "a tutta palpebra e nient'altro", perché alcuni fanno davvero la loro porca figura :).
    E poi non so, ammetto che ho provato a fare qualche trucco più elaborato con più colori ma ho proprio delle difficoltà fisiche a sfumarli, non so, forse sono pasticciona io :( Diciamo che devo ancora capirla un po', ecco ^^

    P.s. Abracadabra a me piace un sacco come colore, è uno di quelli che avrei preso in cialda singola se non avessi preso la palette :D

    ReplyDelete
  15. Non so, è una tipologia di palette che non mi fa impazzire. Qualche colore di questo tipo ci starebbe una palette interamente così non la userei mai. Non ho preso la prima e non prenderò questa. Ma è proprio una questione di gusti personali.

    ReplyDelete
  16. Io ho la versione old e ho il post recensione in bozze da tipo sei mesi... sono ben contenta però di avere la versione nuova perchè le due cialde "sostitutive" non mi piacciono più di tanto... Fenice ok, ma Twilight anche no!

    ReplyDelete